02:58:23

Všečkaj nas

Vpisna pola



Prva stran Kdo smo
Sporočilo
Njim da, nam ne PDF natisni E-pošta
Prispeval Redakcija   
Sreda, 04 November 2009 14:01

"Le risorse per Radio radicale, 30 milioni per tre anni (10 l'anno), sono state individuate, l'emendamento alla finanziaria e' scritto. Ma Emma Bonino non e' soddisfatta di come esso sia stato scritto, lo giudica ambiguo e chiede che sia specificata chiaramente la destinazione delle risorse. La discussione sul tema e' avvenuta a margine dei lavori della Commissione bilancio del Senato sulla finanziaria. L'emendamento scritto dal presidente della Commissione bilancio, Antonio Azzollini, prevede un taglio su tutte le voci della tabella C, ad esclusione della ricerca e dell'innovazione. Vengono cosi' reperiti i 30 milioni di euro per il rinnovo della convenzione tra Radio Radicale e il ministero per lo sviluppo economico. Tuttavia, messi da parte i fondi, l'emendamento non esplicita chiaramente l'utilizzazione per Radio Radicale.Questo perche', spiega Azzollini, nella finanziaria non puo' essere ammessa una simile formulazione. La finalizzazione sara' indicata in un altro provvedimento oppure, come dicono altri, il rinnovo della convenzione potrebbe avvenire automaticamente, senza necessita' di una norma di legge, in quanto Radio Radicale svolge un servizio sui lavori parlamentari che non ha ancora concorrenti.
Si cerca la mediazione e Donatella Poretti propone un ordine del giorno che impegna il governo a destinare le risorse a Radio Radicale. ''Ma non ve l'approvano - replica visibilmente irritato Azzollini - perche' non vi fidate di me? Non si puo' scrivere 'Radio Radicale', noi nella formulazione scriviamo 'Centro di produzione spa' che siete voi. Sto lavorando per voi ma non vi sta bene niente''.(Dagospia, parlamentarna kronika)

Kroniko navajamo do podrobnosti, da bo bralcem jasno, kaj se da narediti v parlamentu in cesa ne. Predstaviti popravek, ki ti ga zavrnejo, ne stane nic. Truditi se in prepricevati nasprotnika in oblast, da so tvoje zahteve upravicene, je druga pesem. Senatorka demokratske stranke bi lahko tudi v primeru financiranja slovenske manjšine, ki bi državo stalo le eno desetino tega, kar bodo dobili radikalci za svoj radio, poiskala zaveznike v drugih strankah opozicije (IdV in UDC), morda pri ligi ali se pogovorila s predsednikom komisije. Rezultati so vedno sad trdega dela, potrpežljivosti in prožnosti. 

 

Dodaj komentar


Varnostna koda
Osveži

Išči na spletu Iskraonline.eu

feed-image Feed Entries